Reggello e l’arte come riscatto per i nostri luoghi.

Il progetto della micro accoglienza
Maggio 27, 2017
Finanziamenti europei: opportunità di crescita economica e culturale.
Maggio 27, 2017

Abbiamo molte opportunità a disposizione per reinventare i nostri luoghi e per riportare la bellezza nella vita dei cittadini.

Le residenze d’artista sono periodi in cui egli è invitato a creare un’opera in cambio di vitto, alloggio e spese. Potremmo invitare artisti a creare opere d’arte che rimarranno sul nostro territorio o che interagiscano con la popolazione: progetti d’artista che cambino le nostre piazze e le rendano più belle. 

Questo progetto negli anni ci permetterà di comporre una collezione d’arte, delle gallerie d’arte a cielo aperto dove i cittadini avranno voglia trascorrere del tempo e che i turisti avranno il piacere di visitare. 

 

  

L’altra faccia di questo impegno sull’arte come veicolo di bellezza e identità prevede un aumento dell’attenzione verso gli artisti del territorio: aiutare le persone ad esprimersi, creare dei luoghi dove musicisti, attori e performer possano esprimersi e crescere. organizzare degli incontri fra gli artisti in residenza e gli artisti del territorio potrebbe creare una rete che esca dalle logiche territoriali. Vogliamo che i nostri artisti conoscano quello che c’è fuori da Reggello come vogliamo altresì internazionalizzare i nostri artisti; magari organizzando dei progetti di scambio di residenze d’artista con i comuni gemellati con Reggello.  

Alcuni esempi sono già attivi. A Donnini, al posto di quella che un tempo era un’edicola che ha chiuso a causa dei tempi difficili, adesso si trova una piccola galleria d’arte, ad essere precisi la più piccola del mondo. Sempre in quelle zone vive una signora che organizza residenze d’artista per scrittori. Questi sono solo esempi di una tendenza che già è presente nel nostro territorio e che possiamo accudire fino a trasformarla in una pratica rivoluzionaria che permetta ai nostri luoghi di scoprire nuove funzioni e di far crescere una cultura del bello tra i nostri cittadini.