Giovani e Agricoltura: fattori per un nuovo sviluppo economico?

Il progetto della micro accoglienza
Maggio 27, 2017

Tutti gli indicatori confermano una crescita continua del fatturato nel settore agricolo-alimentare. 

In parallelo, sempre più giovani italiani under 35 intraprendono il nobile mestiere di contadino. 

Dopo che una intera generazione ha fatto di tutto per lasciarsi alle spalle il mondo rurale, oggi l’inversione di tendenza procede spedita. 

Le ragioni dell’avvicinamento dei giovani all’agricoltura sono principalmente due: il bisogno di concretezza avvertita dopo anni di economia basata principalmente sulla speculazione finanziaria e la difficoltà nel trovare lavoro in altri settori finendo per accettare anche lavori stagionali, che fino a qualche anno fa venivano rifiutati. 

Si è ritrovato ottimismo sulle prospettive future nonostante i freni posti da un’opprimente burocrazia e questo porterà grandi soddisfazioni a chi intraprenderà il suddetto percorso; allo stesso tempo l’Italia recupererà un paesaggio rurale dignitoso e maggior tutela idrogeologica. 

Prospettive interessanti  si intravedono anche nell’agroturismo con le sue derivazioni: cicloturismo, ippoturismo  e agriturismo enogastronomico (4,5 milioni di turisti ogni anno con un indotto di 5 miliardi di euro).  Infatti lo sviluppo turistico rappresenta una grande opportunità per il mondo agricolo e per l’Italia in generale. 

Un comune come Reggello dovrebbe tornare a guardare con interesse questo settore e seguire con la massima attenzione tutte le iniziative. A questo proposito, la Regione Toscana sta dedicando ad una rinascita agroalimentare normative e bandi: Banca della Terra e 100.000 orti in Toscana dove  purtroppo il nostro Comune è rimasto completamente assente.