Comunicato del 24.09.2021

Comunicato del 22.09.2021
Settembre 22, 2021
Ci siamo dati appuntamento per una passeggiata a Matassino portando nel cuore i tanti, soprattutto giovani, che stamattina hanno manifestato in tutta Italia per il #fridayforfuture
Nel 2015, un gruppo indipendente di studenti ha invitato gli alunni di tutto il mondo a saltare la scuola il primo giorno della COP 21, la Conferenza sul clima dell’UNFCCC. Il 30 novembre, il primo giorno della Conferenza sul clima a Parigi, uno sciopero è stato organizzato in oltre 100 paesi, coinvolgendo più di 50 000 persone, tra le quali Greta Thunberg. Il movimento si concentrava su queste richieste: 100% di energia pulita e utilizzo di fonti rinnovabili.
La premessa è doverosa quando si è di fronte alla storia.
Eppure, nonostante i proclami, alcuni potenti hanno CHIARAMENTE e VOLONTARIAMENTE ignorato il grido di dolore del pianeta, per la logica del FIRST & GREAT. Cosa possiamo noi di fronte a queste potenze che ogni giorno, centimetro dopo centimetro, metro dopo metro, km dopo km stanno mettendo a serio rischio la tenuta del pianeta per come lo conoscevamo o meglio dire conosciamo?
L’Europa, con il Green Deal del 2020, ha deciso di progredire verso un’economia climaticamente neutra e di rispettare gli impegni assunti nell’accordo di Parigi. Cosa vuol dire?
Vuol dire lotta al cambiamento climatico entro il 2030 con:
– una riduzione di almeno il 40% delle emissioni di gas effetto serra (rispetto ai livelli del 1990)
– una quota almeno del 32% di energia rinnovabile
– un miglioramento almeno del 32,5% dell’efficienza energetica.
Obiettivi ambiziosi? Forse sì, ma non abbiamo altra strada che provarci. Crediamo fermamente che anche Reggello debba trovare il coraggio di raccogliere questa sfida.
Reggello ha avviato un percorso d’efficientamento degli edifici pubblici, ha installato fontanelli d’acqua nelle frazioni, ha realizzato un servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta, ha provveduto alla sostituzione dei punti luce delle nostre strade…tanto altro ancora rimane da fare.
Il contributo di Reggello Viva nel programma di coalizione per @pierogiunti è stato quello di pensare a politiche per una Reggello4future.
Cioè?
– Attivarsi verso Regione Toscana e Città Metropolitana di Firenze per progettare ciclovie
che colleghino le frazioni del fondovalle ai punti di interscambio del trasporto pubblico
locale.
– Richiedere alla Città Metropolitana di sostituire il parco mezzi che serve il nostro territorio
con autobus elettrici oppure di nuova generazione a bassa emissione di CO2.
– Progettare il recupero di terreni incolti.
– Interventi intelligenti di manutenzione del verde, al fine di preservare l’arma più potente che
abbiamo per sconfiggere l’inquinamento: gli alberi.
– richiedere a Società Autostrade l’installazione di una barriera verde tra l’autostrada e i centri abitati del fondovalle, al fine di ridurre le problematiche relative allo sforamento del PM10.
– favorire la transizione ecologica pubblica e soprattutto privata (es. comunità solari)
Questi sono solo alcuni degli interventi che trovate nel nostro programma completo e che possono contribuire al raggiungimento degli obiettivi per la lotta al cambiamento climatico; interventi che necessitano di essere pianificati a livello di Unione dei Comuni, presupposto imprescindibile per intercettare i fondi che arriveranno dell’Europa.
Ecco cosa possiamo fare nel nostro territorio, questo piccolo immenso granello colorato che ci dona tanta bellezza.